Conoscere i reviewer / Zeddicus_Zorander

29 maggio 2018 Titta

Conosciamo oggi quel mago di Zeddicus_Zorander, l’altro nuovo reviewer per l’Italia, a cui auguriamo buon lavoro.

Quale è il motivo per cui hai deciso di diventare reviewer?


Ho sempre seguito con interesse il ruolo dei reviewer nel geocaching, e volevo fare qualcosa in più di limitarmi a ringraziarli per il loro lavoro e per la loro dedizione; ho quindi pensato che sarebbe stato giusto offrirsi come volontario per aiutarli, soprattutto per cercare di intervenire in tutti quei casi di abbandono delle cache che, purtroppo, si verificano in tutta Italia ma che richiedono molti più volontari di quelli attualmente presenti.

Quanto tempo dedichi all’attività di reviewer?


Per il momento molto, parecchio ore al giorno: c’è ancora molto da leggere e da imparare, quindi ogni momento libero è quello buono.

Sei reviewer da poco, come sta andando?


Probabilmente è ancora presto per parlare di soddisfazioni, ma sicuramente ho scoperto con piacere che dietro a quello che può vedere un geocacher c’è molto, moltissimo lavoro e tanta buona volontà.

Ci racconti qualcosa sul nome che hai scelto per reviewer?


Zeddicus Zu’l Zorander, conosciuto più comunemente come Zedd, è uno dei personaggi principali della serie fantasy La spada della verità, di Terry Goodkind, da cui è stata tratta anche una serie TV (non così ben fatta, purtroppo) nel 2008.
L’attore che lo interpreta nella serie è Bruce Spence , noto principalmente per dei ruoli in Interceptor e Mad Max.
Nella serie fantasy Zedd è un mago del Primo Ordine, con una gran conoscenza della magia e molto, molto saggio; l’ho scelto più che altro per quest’ultima qualità, sperando che mi sia di buon auspicio nel mio ruolo da reviewer.

Secondo te c’è una regola o più regole da cambiare nel geocaching? Se sì. quali?


I principi fondamentali del gioco, secondo me, sono così semplici e lineari da non aver bisogno di cambiamenti; dal mio punto di vista il geocaching avrebbe però bisogno di una svecchiata, in modo da avvicinarsi un po’ più ai giovani giocatori spingendoli a staccarsi dai monitor di casa e a muoversi all’aperto, alla scoperta dei posti dove vivono.
In tal senso apprezzo moltissimo il lavoro di alcuni owner che hanno creato svariate serie di geocache lungo la penisola, proponendo itinerari davvero bellissimi lungo vie storiche e non, e ho apprezzato anche molto lo sforzo, da parte di Groundspeak, di sviluppare una App semplice e intuitiva (per quanto parzialmente a pagamento) per poter essere utilizzata sui tanti smartphone in possesso di ormai tutti.

Hai un consiglio sul rapporto da tenere tra reviewer e geocacher?


La pazienza e la ragione sono secondo me fondamentali.
Molti vedono i reviewer come dei personaggi astratti, spesso fastidiosi, e stigmatizzano il loro operato quando relativo all’archiviazione o alla disattivazione delle cache, non rendendosi magari conto del lavoro che c’è dietro ad un semplice log.
Il mio invito a tutti i geocacher è quello di non innalzare filippiche e lamentele, magari pubbliche giusto per il gusto di una sterile polemica, ma di cercare piuttosto il dialogo: siamo infatti volontari e a disposizione del gioco, e parlarci in modo ragionevole e tranquillo – senza cercare di fregarci – è la cosa migliore da fare.

Il reviewer Zeddicus_zorander
Zeddicus Zorander ritratto mentre fa il piacione