Geocaching vs Pokémon Go

27 giugno 2017 Titta

Pokémon Go è stato il fenomeno dell’estate 2016. Poco dopo la metà di luglio ha raggiunto il picco di 45 milioni di utenti giornalieri attivi in tutto il mondo, per poi iniziare un rapido declino. Nel giro di un mese gli utenti sono scesi a circa 30 milioni.
Bryan Roth, co-fondatore di Geocaching.com ci spiega questo fenomeno rapportandolo al Geocaching.

Perché il geocaching cresce stabilmente da 16 anni, mentre Pokémon Go è già in declino?

La crescita nel Geocaching è organica. Nel corso degli anni c’è un passaparola continuo tra le persone. Oggi contiamo più di 16 milioni di account registrati e ogni giorno il loro numero aumenta. Poichè il Geocaching è un meraviglioso gioco/sport/hobby ci aspettiamo che le persone continuino ad apprezzarlo e a farlo conoscere ai propri amici. Quando è stato lanciato Pokémon Go, moltissime persone volevano capire cosa fosse esattamente. Così hanno scaricato l’app e hanno iniziato a giocare. Pokémon Go si è potuto avvantaggiare grazie ad un marchio molto conosciuto e ad una grande piattaforma tecnologica ed il risultato è stato quello di mettere sul mercato un gioco molto coinvolgente. Anche se in tanti l’hanno utilizzato nelle prime settimane e nei primi mesi dal lancio, successivamente parecchi utilizzatori hanno deciso di smettere. Quindi il successo iniziale includeva molte persone che normalmente non avrebbero giocato con un’applicazione di questo genere e quindi hanno prevedibilmente abbandonato il gioco. Per quel che mi riguarda ho giocato a Pokémon Go per due settimane perché era divertente ed ero interessato a capirci di più, ma ora non gioco più perché preferisco il Geocaching. Mio figlio Nicholas invece si sta ancora divertendo con Pokémon Go. Va detto che lui è sempre stato un fan dei Pokémon e probabilmente continuerà a giocare. Fortunatamente gli piace anche il geocaching.

Pokémon Go ha in qualche modo influenzato il Geocaching?

Quando Pokémon Go fu lanciato, molta attenzione venne riposta sui giochi basati sulla localizzazione e il nome “Geocaching” è stato spesso menzionato dalla stampa e dai media. Come risultato abbiamo avuto un paio di settimane in cui si è verificato il più alto numero di nuovi account registrati che abbiamo mai avuto nella storia del Geocaching. Come è accaduto per Pokémon Go, il numero delle nuove registrazioni è tornato ai livelli normali nel giro di qualche settimana. Penso che Pokémon Go abbia influenzato il Geocaching anche perché ora le persone, mentre sono alla ricerca di una geocache, possono essere scambiate per giocatori di Pokémon, al posto di essere presi per tipi che stanno facendo qualcosa di strano. Forse questo aspetto porta le persone a guardare con meno sospetto i geocachers e così sarà in futuro.

C’è qualcosa dell’esperienza di Pokémon Go che varrebbe la pena applicare al Geocaching?

Si, penso ci siano un po’ di cose interessanti. Stiamo pianificando di lavorare su alcune di esse e speriamo di poter offrire alla community dei geocachers qualcosa di nuovo nei prossimi mesi e anni. Ma per il momento non aggiungo altro…

Cosa rende il Geocaching e Pokémon Go somiglianti?

Il fatto che entrambi riescono a portar fuori di casa le persone per giocare. Penso che questo sia un elemento molto importante. Come il Geocaching, Pokémon Go è stato in grado di motivare le persone a staccarsi dalla televisione e scendere dal divano. Un altro aspetto che accomuna Geocaching e Pokémon Go è che per entrambi le persone vanno alla ricerca di tesori, anche se in un caso sono fisici e nell’altro virtuali.

Cosa rende il Geocaching e Pokémon Go differenti?

La virtualità contrapposta alla fisicità rappresenta l’elemento più evidente che tutti conosciamo. Inoltre, dal momento che i giocatori di Pokémon Go devono essere connessi per poter giocare, i Pokéstops sono limitati a specifiche aree e non possono esistere nei luoghi più isolati e senza connessione. Inoltre Pokémon Go basa il proprio gioco su mostri e altri personaggi, mentre con il Geocaching si hanno altri geocachers, che fortunatamente non sono mostri.